Cristina - 1

Pyrgus onopordi

Pyrgus onopordi (Rambur, [1839])

Famiglia Hesperiidae

Sottofamiglia Pyrginae

Apertura alare

Da 2,5 a 2,8 cm.

Distribuzione in Italia

Presente in tutte le regioni eccetto Sicilia e Sardegna, ma ovunque rara e localizzata.

Habitat

Ambienti caldi e incolti, dalla pianura a 1500 m.

Periodo di volo

Polivoltina da fine maggio a giugno e da metà luglio a settembre.

Pianta alimentare dei bruchi

Malope malachioides.

Dimorfismo sessuale

Femmina simile al maschio, ma leggermente più grande. Nelle femmine manca la caratteristica tasca, presente nei maschi, lungo il bordo anteriore (o costa) dell’ala anteriore formata da una piega della membrana alare.

Specie simili

Tutte quelle del genere Pyrgus da cui si può distinguere per avere sul rovescio delle ali posteriori una macchia bianca chiamata “il segno dell’incudine”. Si tratta del grande spazio bianco centrale all’estremità della cellula discoidale, leggermente contornato di nero, che presenta i due bordi, prossimale e distale, fortemente concavi così da formare da entrambi i lati delle punte lungo le nervature che si protendono sia verso la base delle ali che verso il bordo. Come per tutte le appartenenti al genere Pyrgus è utile confermare le determinazioni con l’esame delle valve delle armature genitali maschili.

Armatura genitale maschile

1 - stilo corto e piccolo.

C = cucullus, parte terminale della valva, con lato superiore arrotondato.