Cristina - 1

Aricia agestis

Aricia agestis ([Denis & Schiffermüller], 1775)

Famiglia Lycaenidae

Sottofamiglia Polyommatinae

Apertura alare

Da 2,2 a 2,5 cm.

Distribuzione in Italia

Presente in tutte le regioni isole comprese, ad eccezione della Sardegna.

Habitat

Prati e ampie radure di norma dalla pianura fino a 900 m., ma sugli Appennini è stata segnalata localmente fino a 1700 m.

Periodo di volo

Polivoltina con tre generazioni che si susseguono da marzo a settembre.

Pianta alimentare dei bruchi

Geraniacee e specie dei generi Helianthemum ed Erodium.

Dimorfismo sessuale

Sessi simili, ma le femmine presentano sul diritto delle ali lunule marginali arancioni più grandi e vistose.

Variazioni

Le dimensioni delle macchie arancioni sul diritto delle ali possono essere molto variabili in entrambi i sessi. In alcuni individui ed in alcune popolazioni i maschi possono non avere le macchie arancioni sul diritto delle ali anteriori. In alcuni esemplari può mancare il carattere della posizione dei punti neri descritto per distinguere questa specie dalle altre licenidi.

Specie simili

Aricia cramera, limitata alla Sardegna, che presenta macchie arancioni più grandi. Aricia allous con macchie arancioni ridotte ed a volte mancanti e con colore di fondo del rovescio delle ali più grigio. Dalle femmine delle altre specie di licenidi possono essere quasi sempre facilmente distinte per la posizione dei primi due punti della serie mediana del rovescio delle posteriori, infatti il primo, vicino alla costa, tocca l’archetto nero che delimita la macchia arancione ed il secondo gli è vicino, spostato poco all’indietro, così da rimanere lontano dal successivo e non allineato, formando una netta interruzione nella serie.