Cristina - 1

Pyrgus carthami

Pyrgus carthami (Hübner, [1813])

Famiglia Hesperiidae

Sottofamiglia Pyrginae

Apertura alare

Da 2,8 a 3,3 cm.

Distribuzione in Italia

Presente in tutto l’arco alpino, ma si rinviene anche in pianura, e in due zone degli Appennini, la prima tra Marche, Lazio e Abruzzo, e la seconda tra Basilicata e Calabria.

Habitat

Radure di boschi e prati assolati, dalla pianura a 2350 m.

Periodo di volo

Univoltina da fine maggio ai primi di agosto.

Pianta alimentare dei bruchi

Varie piante dei generi Althea, Malva, Potentilla e Centaurea.

Dimorfismo sessuale

Nelle femmine manca la caratteristica tasca, presente nei maschi, lungo il bordo anteriore (o costa) dell’ala anteriore formata da una piega della membrana alare.

Variazioni

In alcuni esemplari vi può essere la quasi totale mancanza dei disegni chiari sul diritto delle ali posteriori ed anche il disegno del rovescio delle ali posteriori può essere più o meno marcato.

Specie simili

Si distingue da tutte quelle del genere Pyrgus per le grandi dimensioni e i disegni chiari completi. Sul diritto delle ali posteriori vi è una serie di macchie bianche premarginali spesso abbastanza nitide e poco velate di grigio, disposte in linea parallelamente al bordo, a cui corrispondono sul rovescio degli spazi bianchi a forma di punta di freccia. Tutti gli spazi bianchi del rovescio delle ali posteriori sono leggermente contornati di scuro.

Armatura genitale maschile

C = cucullus, parte terminale della valva, stretto
1 - stilo molto grande.