Cristina - 1

Polyommatus icarus

Polyommatus icarus (Rottemburg, 1775)

Famiglia Lycaenidae

Sottofamiglia Polyommatinae

Apertura alare

Da 2,5 a 3,2 cm.

Distribuzione in Italia

Presente in tutta Italia, ad eccezione di Sicilia e Sardegna.

Habitat

Presente in tutti i tipi di ambiente, dalla pianura fino a 2500 m.

Periodo di volo

Polivoltina con tre generazioni che si susseguono da metà aprile a metà settembre.

Pianta alimentare dei bruchi

Trifoglio e piccole leguminose.

Dimorfismo sessuale

Vistosa differenza nell’aspetto tra maschi, con diritto azzurro, e femmine marroni con lunule marginali arancioni e con rovescio simile al maschio.

Variazioni

Alcune femmine possono essere parzialmente azzurrate sul diritto delle ali e presentare una riduzione delle macchie arancioni marginali.

Specie simili

L’isolamento geografico la rende facilmente distinguibile da Polyommatus celinus che abita la Sicilia e la Sardegna, mentre la morfologia esterna risulta identica. Da Polyommatus bellargus si distingue per la colorazione uniforme delle frange delle ali. Le femmine di P. icarus possono essere facilmente confuse con quelle del genere Polyommatus e con quelle del genere Aricia dalle quali si distinguono per la presenza di uno o due punti neri posti nella zona basale del rovescio dell’ala anteriore. Vedere Polyommatus eros per la loro comparazione.