Cristina - 1

Erebia euryale

Erebia euryale (Esper, [1805])

Famiglia Nymphalidae

Sottofamiglia Satyrinae

Apertura alare

Da 3,8 a 4,6 cm.

Distribuzione in Italia

Presente in tutto l’arco alpino e in alcune località dell’Appennino dall’Emilia all’Abruzzo.

Habitat

Pendii erbosi e radure di boschi da 800 sino a 2500 m.

Periodo di volo

Univoltina da fine giugno ad agosto.

Pianta alimentare dei bruchi

Deschampsia caespitosa, Anthoxanthum odoratum e altre graminacee in particolare quelle del genere Festuca.

Dimorfismo sessuale

Femmina più chiara.

Variazioni

Di notevole rilevanza è la sottospecie ocellaris che presenta la quasi totale riduzione dei disegni rossi visibili solo come piccoli aloni attorno agli ocelli.

Specie simili

Erebia ligea che si distingue nei maschi per la presenza sulle ali anteriori di chiazze nerissime costituite da squame androconiali ben osservabili se si guarda l’ala in trasparenza. Per distinguere le femmine è utile osservare la linea chiara che percorre il rovescio dell’ala posteriore che in E. ligea è bianchissima ed inizia lungo la costa con una caratteristica forma a cuneo, mentre in E. euryale inizia più stretta ed è spesso velata da squame fulve o si mantiene molto larga, ma mai nitida. Da tutte le altre specie del genere Erebia sia E.ligea che E.euryale si distinguono per le frange delle ali a trattini alternati bianchi e marroni.

Armatura genitale maschile

1 - valva regolare con apice arcuato
2 - serie di denti costali parzialmente doppia.