Erebia neoridas

Erebia neoridas (Boisduval, 1828)

Famiglia Nymphalidae

Sottofamiglia Satyrinae

Apertura alare

Da 3,4 a 4 cm.

Distribuzione in Italia

Sulle Alpi del Piemonte e della Liguria e sugli Appennini, dalla Liguria all’Abruzzo.

Habitat

Luoghi sassosi e assolati da 600 a 1500 m.

Periodo di volo

Univoltina da metà luglio a metà settembre.

Pianta alimentare dei bruchi

Varie graminacee tra cui quelle dei generi Festuca, Poa e Digitaria.

Dimorfismo sessuale

La femmina a volte di dimensioni minori, ma con ocelli più grandi e con la zona fulva chiara e più estesa.

Variazioni

A seconda delle popolazioni la fascia premarginale sul rovescio dell’ala posteriore può essere più o meno chiara.

Specie simili

Erebia aethiops, anch’essa specie tardiva, da cui si distingue per le minori dimensioni e, sul diritto delle ali anteriori, per la fascia rosso ruggine che ha la massima larghezza in corrispondenza dell’apice, per poi restringersi progressivamente e in modo regolare, in genere senza strozzature.

Armatura genitale maschile

1 - valva di solito con un singolo gruppo di denti bassi vicino a metà costa
2 - processo posteriore arcuato con l'apice coronato da denti molto piccoli.